Progetto "Analisi e Prevenzione incidenti stradali in Provincia di Cuneo"



Il Club, nel constatare il sempre crescente numero di incidenti stradali con protagonisti i giovani, ravvisa la necessità di iniziative innovative, di taglio non paternalistico, che chiamino gli studenti ad esaminare in prima persona problematiche che li riguardano direttamente ed a proporre il loro punto di vista. L’approccio scelto è basato su un intervento educativo che parte dalla Scuola e vede protagonisti gli stessi giovani, chiamati ad analizzare i dati relativi agli incidenti stradali con il duplice scopo di comunicare ai loro coetanei quanto appurato e suggerire possibili rimedi.
Nel contesto di tale azione si supera l’approccio cattedratico per far “toccare con mano” dinamiche e conseguenze degli incidenti stradali; si pone a fulcro del progetto un’attività di collaborazione tra Scuole, Forze dell’Ordine, Università, Volontariato ponendo come obiettivo sia la realizzazione di capillari iniziative di sensibilizzazione sia l’instaurazione di rapporti più equilibrati tra l’autorità e i giovani, offrendo alla Scuola un modo nuovo per svolgere il proprio ruolo educativo.
Gli studenti sono chiamati ad analizzare gli incidenti che avvengono nel territorio dove vivono e a contribuire con soluzioni applicabili nello stesso territorio e a concepire, condurre e gestire momenti ed iniziative di comunicazione rivolte ai loro coetanei. Il progetto tende a contribuire a una risposta di tipo preventivo a questo allarmante problema.

tratto dagli atti della I edizione - La Sicurezza Stradale è, in sostanza, due cose fondamentali TESTIMONIANZA e RELAZIONI SOCIALI, fuori da questi due ambiti diviene pericolo e non risorsa, malessere e non beneficio, disagio e non progresso. Non abbiamo proclami da fare o suggerimenti da dare se non quello di provare ad approfondire l’argomento in modo serio, aperto e senza pregiudizi, ognuno leggendo queste pagine si appassionerà e saprà dedicare dei momenti della sua giornata al meditare suoi comportamenti, sugli errori e sulle banalità che tutti viviamo sulla strada...(Alberto Botta, Presidente Segnal'Etica)

indietro








Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali